,

Mostre a Padova: Joan Mirò

Mostra Mirò Padova - Blog Hotel Plaza Abano Terme

Fino al 22 luglio “Materialità e metamorfosi”, la mostra di Joan Mirò a Palazzo Zabarella

Sarà visitabile fino a domenica 22 luglio a Palazzo Zabarella a Padova, la mostra Joan Miró: Materialità e Metamorfosi, organizzata dalla Fundação de Serralves – Museu de Arte Contemporânea di Oporto.

La mostra, di respiro e di interesse internazionale, raccoglie ottantacinque tra quadri, disegni, sculture, collages e arazzi provenienti dalla straordinaria collezione di opere del grande artista surrealista catalano di proprietà dello Stato portoghese.

Focus del percorso espositivo, che spazia lungo sei decenni di attività del maestro, dal 1924 al 1981, è la naturalezza fisica dei supporti impiegati da Mirò, nonché la trasformazione dei linguaggi pittorici che l’artista iniziò a sviluppare nella prima metà degli anni Venti, documentando le sue metamorfosi artistiche nei campi del disegno, pittura, collage e opere di tappezzeria.

Pittore, scultore, ceramista, un nome tra i più noti nel mondo dell’arte moderna, nella sua esplorazione della materialità, in cui fu eguagliato forse solo da Paul Klee, Miró allargò in maniera decisiva i confini delle tecniche di produzione artistica del Ventesimo secolo.

Nel corso della sua carriera l’inventario dei supporti fisici utilizzati comprende materiali tradizionali, come tela (montata su telaio o meno, strappata, logorata o perforata), diversi tipi di carta da parati, pergamena, legno e cartone (ritagliato e ondulato), ma anche vetro, carta vetrata, iuta, sughero, pelle di pecora, fibrocemento, ottone, truciolato, Celotex, rame, foglio di alluminio e carta catramata.

Mostra Mirò Padova - Blog Hotel Plaza Abano Terme

I materiali – che instaurano sempre un equilibrio delicato con il supporto – includono olio, colori acrilici, gessi, pastelli, matite Conté, grafite, tempera all’uovo, gouache, acquerello, vernice a smalto, inchiostro di china, collage, stencil e dacalcomanie. Applicati in maniera innovativa su basi sia tradizionali che poco ortodosse: gesso, caseina e catrame, talvolta combinati con una eclettica gamma di oggetti comuni e materiali quotidiani, come linoleum, corda e filo.

Oltre a questa esplorazione dei materiali, Mirò sviluppò un linguaggio dei segni innovativo, che modificò il corso dell’arte moderna. In un processo di trasformazione morfologica, nell’arte di Miró gli oggetti assurgono allo status di segni visivi: negli arazzi le matasse di filo possono sostituire schizzi di colore; il fil di ferro dei primi collages rappresenta spesso la linea disegnata; talvolta la carta riformula le caratteristiche fisiche della tela in quanto supporto.

In senso molto lato, la morfologia è il principio operativo del lavoro di Miró: tutto è in uno stato di flusso e cambiamento permanenti, man mano che l’artista esplora le possibili equivalenze tra i mezzi.

Ma sebbene la morfologia si definisca come una variazione della forma, della sostanza e della struttura fisiche, non è tuttavia nella scienza o nella biologia che vada cercata la chiave interpretativa dell’arte di Miró, bensì nella trasformazione e nella logica interna dei suoi metodi di lavoro.

La sequenza di opere proposta dalla mostra evidenzia dunque il pensiero visuale di Miró, il modo in cui egli ha saputo lavorare con tutti i sensi, dalla vista al tatto, ed esplora, al contempo, i processi di elaborazione delle sue creazioni.

Nel duplice ruolo di artefice e trasgressore della forma del modernismo del Ventesimo secolo – pittore e antipittore al tempo stesso – Miró sfidò il concetto stesso di specificità del mezzo.

La mostra è promossa dalla Fondazione Bano e dal Comune di Padova.

Mostra Mirò Padova - Blog Hotel Plaza Abano Terme

Informazioni

Ingresso Mostra
Palazzo Zabarella, Padova
Via degli Zabarella, 14

Biglietti e prenotazioni
Orari: dal martedì alla domenica, dalle 9.30 alle 19.00, chiuso il lunedì. La biglietteria chiude alle 18.15.
Apertura straordinaria: sabato 2 giugno

Fondazione Bano-Palazzo Zabarella
Tel. (+39) 049 8753100
info@palazzozabarella.it
www.zabarella.it

Acquista il tuo Biglietto Online