,

Maratona di Sant’Antonio

Maratona di Sant'Antonio

Il 27 aprile a Padova si corre la Maratona di Sant’Antonio che, giunta alla sua XV edizione, si conferma una della manifestazioni sportive più rilevanti a livello internazionale: a partecipare alla competizione sono atleti di nazionalità brasiliana, keniota, ed etiope.

Un evento per tutti

Ai 42,195 km della Maratona ufficiale, dal 2009 si affianca una “mezza” di 21,097 km con partenza da Camposampiero: evento da subito accolto con grande favore dalla città e dalle migliaia di appassionati. Accanto alle gare agonistiche, le Stracittadine (nelle tre formule da 13.5, 5 e 1 km) riempiono le strade della città veneta in un clima di festa e gioco.

Manifesto ufficiale della Maratona di Sant'Antonio 2014

Maratona di Sant’Antonio tra arte e storia

Il punto di partenza della prova principale resta Campodarsego, per un tracciato che attraversa i paesi del “graticolato romano” (San Giorgio delle Pertiche, Camposampiero, Massanzago e Borgoricco). La maratona di Sant’Antonio è anche all’insegna della cultura: nell’ultimo tratto la corsa offre alcuni degli scorci più interessanti di Padova, attraversando piazza dei Signori, piazza Antenore, via del Santo sino a giungere davanti alla Basilica di Sant’Antonio per concludersi a Prato della Valle, tra le più grandi piazze d’Europa. Inoltre, questo specifico percorso riprende le tappe dell’ultimo cammino del santo patrono della città.

Tre giorni di festa

La Maratona Sant’Antonio non è solo attività sportiva, ma un vero e proprio evento capace di offrire ai cittadini e ai tanti turisti iniziative come quella dell’Expo: uno spazio espositivo di circa 1500 mq interamente dedicato non solo al mondo della corsa, ma dello sport in generale che da venerdì 25 occuperà la grande piazza di Prato della Valle. L’Expo registra ogni anno un grande afflusso di persone arrivando a contare, nella edizione 2013, circa 250.000 presenze tra appassionati podisti e semplici visitatori.

È possibile iscriversi anche on line alla maratona di Sant’Antonio, seguite questo link.